LA STORIA DELLA CONFRATERNITA

 

La Confraternita del SS. Sudario è un ente ecclesiastico fondato il 25 maggio 1598 con autorizzazione dell’Arcivescovo di Torino Carlo Broglia e successiva approvazione del duca Carlo Emanuele I.

Gli scopi della Confraternita erano e rimangono la diffusione del culto e della devozione alla Sindone e del suo insegnamento sul senso della sofferenza, che condusse ben presto ad un forte impegno in campo sociale. Esso si sviluppò in molteplici iniziative, fra le quali spicca l’attenzione alle donne sole, prevedendo anche la costituzione di doti per consentirne un onesto matrimonio, e l’indirizzamento dei giovani a bottega.

 

Il grande impegno in questo campo tuttavia iniziò nella prima metà del Settecento, quando il re di Sardegna Vittorio Amedeo II, comprendendo le grandi potenzialità del volontariato, stabilì che le confraternite formalizzassero il loro impegno nel campo filantropico-sociale. La Confraternita scelse il complesso impegno verso i malati di mente, grave problema sociale in quanto all’epoca non esistevano strutture per la loro cura e riabilitazione. Nel 1728 Vittorio Amedeo II approvava il progetto presentato per la costruzione di un ospedale e donava un appezzamento di terreno, nell' isolato di sant'Isidoro, posto nel terzo ampliamento della Città, su cui fu costruita la prima struttura per malati di mente degli stati sabaudi, conosciuta poi come “Ospedale dei Pazzerelli”.

 

Nel 1731 viene approvata la costruzione della chiesa, all’epoca concepita solo quale oratorio privato per le esigenze della confraternita e cappella interna dell’ospedale, e quindi priva di apertura sulla strada. Iniziata nel 1734 fu completata in un solo anno.

La chiesa, progettata dal confratello ingegner Mazzone. Essa è costituita da una navata unica con pianta rettangolare, con gli angoli leggermente arrotondati, il lato Est ospita il presbiterio di pianta quadrata. Ai lati del presbiterio si aprono due coretti e due tribune soprastanti vagamente ornate e chiuse da transenne in legno artisticamente scolpite che, a quel tempo, accoglievano i membri della Confraternita.

L’apertura del portone verso la strada per l’ingresso dei fedeli alla chiesa, avvenuta solo nel 1764, ancora una volta fu dovuto all’azione sociale della Confraternita, che offrì al re Carlo Emanuele III la disponibilità dei propri cappellani per l’assistenza religiosa ai militari e alle loro famiglie, residenti nei quartieri militari costruiti a pochi passi dalla Chiesa.

Con l’occasione la chiesa venne completata con un nuovo altare maggiore, oggi perduto, e con l’installazione di due pulpiti, caratteristica della chiesa, che consentivano la predicazione del catechismo nella forma popolare del contraddittorio. Da una parte il predicatore che illustrava la vera dottrina e dall’altra quello che obiettava e criticava, e che, ovviamente, usciva regolarmente sconfitto.

L’apertura impose la realizzazione della facciata, da alcuni attribuita ad un progetto del Paracca, che si ispira al disegno di Amedeo di Castellamonte per la facciata della Sainte-Chapelle di Chambéry. Nel 1770 venne dotata di un campanile progettato dell’ing. Perucca.

La chiesa venne dotata anche di preziosi arredi, molti dei quali andati dispersi durante il periodo di occupazione napoleonica di Torino, cominciato nel 1800 e terminato nel 1814, e durante il quale la Confraternita fu soppressa.

L’organo Concone, settecentesco, disperso durante l’occupazione francese, nel 1859 è stato sostituito da uno strumento realizzato dei fratelli Collino di Pinerolo. Il lungo restauro dello strumento e delle sue parti lignee ha impegnato per alcuni anni la Confraternita che nel 2007 lo ha restituito alla pubblica fruizione.

 

Oggi la Confraternita continua nell’impegno di far conoscere la Sindone attraverso il Museo della Sindone, completamente gestito da volontari, e l’opera del Centro Internazionale di Sindonologia (CIS), organismo che raccoglie esperti di livello internazionale. Il Centro ha il compito di coordinare e promuovere a livello nazionale e internazionale studi e attività divulgative relative alla Sindone, assicurandone il collegamento con la Custodia e la Proprietà.

 

Nel campo sociale nel 1995, riprendendo l’impegno in campo filantropico-sociale, la Confraternita ha dato vita a “Casa Bordino” un centro di ricerca ed intervento sul disagio psichico, che richiamandosi all’antica esperienza dell’ospedale intende dare un sostegno alle persone con disagio psichico e alle loro famiglie. Nel 1998, in stretta collaborazione con il Centro di Salute Mentale dell’Azienda Sanitaria 1 di Torino, il Centro Bordino inizia la propria attività.

 

Nel 1997 iniziano i lavori di realizzazione, nell'ampia e suggestiva Cappella sotterranea della Chiesa del SS. Sudario, della una nuova sede del “Museo della Sindone”, lavori resi possibili grazie ai contributi della Regione Piemonte, della Città e della Provincia di Torino, della Cattolica Assicurazioni e della Camera di Commercio di Torino. La nuova sede del Museo viene ufficialmente inaugurata il 15 aprile 1998.

Nel 1999 è stata costituita l’Associazione Amici del Museo della Sindone che ha per scopo quello di coadiuvare la Confraternita del SS. Sudario ed il Centro Internazionale di Sindonologia nell'opera di tutela e divulgazione del Museo della Sindone ed in particolare nell'azione di rendere possibile e continuativa l'apertura al pubblico del Museo grazie ai propri soci che svolgono le attività come volontari.

Tra il 1992 e il 2002 la chiesa è stata oggetto di vasti e importanti lavori di restauro che hanno riguardato gli affreschi e i dipinti settecenteschi, la facciata, il campanile e la sacrestia, anch’essa settecentesca.

Nel 2009 sono stati realizzati lavori di restauro conservativo del complesso immobiliare in cui trova la propria sede la Chiesa Confraternale, lavori che hanno riguardato, il ripristino della facciata sulla via pubblica dell’immobile, con ripristino delle parti di cornicione e dei “modiglioni” degradati, il ripristino della facciata sul cortile interno, il restauro della facciata della Chiesa con ricupero della colorazione antica degli stucchi del bassorilievo raffigurante la Sindone collocato nel timpano e lavori di manutenzione straordinaria sulla copertura della Chiesa.

Lo scultore Salvatore VITALE ha donato nel 2007 alla Confraternita una sua l’opera artistica in materiale bronzeo denominata: “1997 Salvataggio della Sindone”, da esporre nei locali della Confraternita.

La Confraternita del SS. Sudario ha acquistato nel 2011 dal Sig. Ezio Fonzio 540 fotografie (in termini tecnici “positivi”) originali ed uniche scattate e realizzate nel periodo tra il 1890 ed il 1930 dall’avv. Secondo Pia.Questo corpus di fotografie va ad integrare la collezione di “positivi” già presenti nell'Archivio della Confraternita.

 

Il Progetto di valorizzazione e conservazione dell’archivio dell’avv. Secondo Pia sulla Sacra Sindone e sul territorio, realizzato negli anni 2012-2013, ha comportato il riordino completo dei materiali relativi a Secondo Pia, sia documentali, sia fotografici conservati dall’Ente.

 

Dopo più di quattro secoli la Confraternita del SS. Sudario è ancora in vita perché ha saputo stare al passo con i tempi, senza perdere di vista origini e fondamento della sua istituzione, cioè la Sindone, trovando modi nuovi ed efficaci per porsi al servizio degli “ultimi”, senza dimenticare di essere un’istituzione cittadina.

Le attività di base della Confraternita si esplicano innanzitutto con la Messa mensile (prima domenica del mese) dedicata ai Confratelli, con la celebrazione della Festa della Sindone (il 4 maggio), con le funzioni (Viae Crucis) del periodo quaresimale, con numerosissime conferenze sulla Sindone e incontri nelle scuole, con la partecipazione alle devozioni di altre Confraternite e alle processioni cittadine (la Consolata, il Corpus Domini, la B.V. del Rosario), con l’esercizio della carità attraverso varie forme di volontariato e di fraterna solidarietà, e naturalmente con la conduzione e gestione del Museo della Sindone. 

Tra le iniziative ricorrenti, “Gli Incontri al Santo Sudario”, conferenze a tema teologico o sociale, che si tengono solitamente nei primi quattro lunedì del mese di maggio, in collaborazione con il Centro Internazionale di Sindonologia. Nel maggio 2011 il tema è stato “Alla ricerca di Dio”, nel 2012 “Etica cristiana”, nel 2013 “Un corpo mi hai dato” (immagine sindonica del Corpo di Cristo), nel 2014 “Il matrimonio cristiano in sofferenza?”, nel 2016 "cosa crede,chi crede".

Iniziativa importante e nuova è stato il concorso letterario svolto nel 2015 che ha avuto oltre 100 partecipanti nelle sezioni di poesia e prosa sul tema "La Sindone" bandito in occasione della Solenne Ostensione.

Una particolare menzione alla Festa della Madonna di Guadalupe, che si svolge nella domenica più prossima al 12 dicembre. Questa festa, che la Confraternita celebra dal 2010, ha inizio nel momento in cui è pervenuta la riproduzione del quadro della Madonna di Guadalupe donato dall’Arcivescovo di Città del Messico all’Arcivescovo di Torino e da questi concesso alla Chiesa del SS. Sudario.

Clicca qui per visualizzare la Galleria Fotografica

Contatti:

Confraternita del SS. Sudario

Via San Domenico, 28 

10122 Torino (ITALIA)

Tel. +39 011.4365832 - Fax +39 011.4319275

confraternita@sindone.org

Privacy

Documento informativo articolo 13 Reg. UE 2016/679- GDPR Informativa per trattamento di dati personali raccolti presso l’interessato

Nel rispetto di quanto previsto dal Reg. UE 2016/679 (Regolamento Europeo per la pro-tezione dei dati personali) Le forniamo le dovute informazioni in ordine al trattamento dei dati personali forniti. L'informativa non è da considerarsi valida per altri siti web eventualmente consultabili tramite links presenti sui siti internet a dominio del titolare, che non è da considerarsi in alcun modo responsabile dei siti internet dei terzi.

Si tratta di un'informativa che è resa ai sensi dell' art. 13 della Reg. UE 2016/679 (Rego-lamento Europeo per la protezione dei dati personali) e si ispira anche a quanto previ-sto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookies nonché a quanto previsto dal Provvedimento dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali del 08.05.2014 in materia di cookies.

1.SOGGETTI DEL TRATTAMENTO

TITOLARE DEL TRATTAMENTO, ai sensi degli artt. 4 e 24 del Reg. UE 2016/679 è Confra-ternita SS. Sudario con sede in Torino Via San Domenico n.28 (10122) c.f.80064770011 nella persona del Presidente e legale rappresentante pro tempore.

2.TIPI DI DATI TRATTATI

Dato personale informazione riguardante un interessato; a titolo esemplificativo e non esaustivo un identificativo come il nominativo, un numero di identificazione, dati relati-vi all’ubicazione, un identificativo online – cfr. art. 4, c. 1, n. 1 GDPR.

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui tra-smissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Tali informa-zioni non sono raccolte per essere associate a interessati, ma, attraverso elaborazioni e associazioni con dati detenuti da terzi, a causa della loro stessa natura, possono consen-tire l'identificazione dell'utente. Questa categoria di dati deve includere indirizzi IP o nomi di dominio dei computer uti-lizzati dagli utenti che navigano sul presente sito web, gli indirizzi mappati con URI (URI sta per Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'ora della richiesta, il meto-do utilizzato nell'invio la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico che indica lo stato della risposta fornita dal server (riuscito, errore e così via) e altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente di elaborazione dell'utente.

Questi dati vengono utilizzati esclusivamente al fine di ottenere statistiche anonime re-lative all'uso del sito web e per controllarne il corretto funzionamento. Questi dati ven-gono immediatamente eliminati dopo l'elaborazione.

Difesa in giudizio

I Dati Personali dell’Utente possono essere utilizzati per la difesa da parte del Titola-re in giudizio o nelle fasi propedeutiche alla sua eventuale instaurazione, da abusi nell'utilizzo della stessa o dei servizi connessi da parte dell’Utente. I dati potrebbero es-sere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito.

Manutenzione

I Dati Personali dell’Utente possono essere trattati con modalità e finalità aggiuntive le-gate alla manutenzione

Dati forniti volontariamente dall'utente

L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su que-sto sito comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti.

Informative specifiche

Informative specifiche potrebbero essere presentate nelle pagine del Sito in relazione a particolari servizi o trattamenti dei Dati forniti dall’Utente o dall’Interessato.

Cookies

Si veda la specifica informativa presente sul presente sito.

3.FINALITÀ E LICEITA’ DEL TRATTRAMENTO

I dati di natura personale forniti, saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle con-dizioni di liceità ex art. 6 Reg. UE 2016/679 per le seguenti finalità:

* Gestione trattamento dati inerente (art. 6 lett. f)): - navigazione sul presente sito web;

- richieste di invio info/contatto/suggerimenti/assistenza/altro;

* Gestione trattamento dati inerente (art.6 lett.b) e c)):

- esecuzione contratto e/o misure precontrattuali, adempimento obblighi di legge e finalità amministrativo-contabile. Ai fini dell'applicazione delle disposi-zioni in materia di protezione dei dati personali, i trattamenti effettuati per fina-lità amministrativo-contabili sono quelli connessi allo svolgimento delle attività di natura organizzativa, amministrativa, finanziaria e contabile, a prescindere dalla natura dei dati trattati. In particolare, perseguono tali finalità le attività organizzative interne, quelle funzionali all'adempimento di obblighi contrattuali e precontrattuali, attività informativa.

4.DESTINATARI O CATEGORIE DI DESTINATARI DEI DATI

I dati di natura personale forniti potranno essere comunicati a destinatari, nominati ex art. 28 del Reg. UE 2016/679, che tratteranno i dati in qualità di responsabili e/o in qua-lità di persone fisiche che agiscono sotto l’autorità del Titolare, al fine dell’esecuzione di misure precontrattuali/contrattuali/obblighi di legge.

Precisamente, i dati potranno essere comunicati a destinatari appartenenti alle seguen-ti categorie: Soggetti che forniscono servizi per la gestione del sistema informativo e delle reti di comunicazione del Titolare del trattamento (ivi compresa la posta elettroni-ca); - Studi o Società nell’ambito di rapporti di assistenza e consulenza; - Autorità com-petenti per adempimenti di obblighi di legge e/o di disposizioni di organi pubblici, su ri-chiesta.

L’elenco dei Responsabili del trattamento designati è disponibile presso la sede legale del Titolare del Trattamento.

5.TRASFERIMENTO DATI VERSO UN PAESE TERZO E/O UN’ORGANIZZAZIONE INTER-NAZIONALE

I dati di natura personale forniti non sono trasferiti all’estero.

6.PERIODO DI CONSERVAZIONE O CRITERI

Il trattamento sarà svolto in forma automatizzata e/o manuale, con modalità e stru-menti volti a garantire la massima sicurezza e riservatezza, ad opera di soggetti di ciò appositamente incaricati.

Nel rispetto di quanto previsto dall’art. 5 comma 1 lett. e) del Reg. UE 2016/679 i dati personali raccolti verranno conservati in una forma che consenta l’identificazione degli interessati per un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per le quali i dati personali sono trattati. Nello specifico:

- navigazione sito web: sessione;

- richieste di invio info/contatto/suggerimenti/assistenza/altro: 1 anno

- per le finalità amministrativo-contabili in generale: 10 anni

7.NATURA DEL CONFERIMENTO E RIFIUTO

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati per-sonali.

Il conferimento dei dati personali per richieste di invio in-fo/contatto/suggerimenti/assistenza/altro è necessario per perfezionare le specifiche funzionalità e fruire dei servizi offerti al Titolare del trattamento, ad esempio per richie-dere l’invio di info od ottenere informazioni. Il mancato conferimento dei dati personali può comportare l'impossibilità di ottenere il servizio richiesto o di fruire dei servizi of-ferti dal sito.

8.DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Lei ha il diritto, in qualunque momento, di chiedere al Titolare del trattamento al seguente indirizzo e.mail: admin.css@sindone.org l’accesso ai Suoi dati personali, la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettifica, la cancellazione degli stessi, la limitazione del trattamento. Inoltre, ha il diritto di opporsi, in qualsiasi momento, al trattamento dei suoi dati nel rispetto di quanto previsto dal Regolamento Europeo 679/2016. Fatto salvo ogni altro ricorso amministrativo e giurisdizionale, se ritiene che il trattamento dei dati che la riguardano, violi quanto previsto dal Reg. UE 2016/679, ai sensi dell’art. 15 lettera f) del su